mercoledì 5 marzo 2008

Tiriamo tutti una sniffata di sollievo.


Gianfranco Micciché non lascerà il PDL. Ingoiato l'amaro boccone della sua mancata candidatura per le regionali in Sicilia, appoggerà la corsa dell'antagonista-alleato Raffaele Lombardo.
Vi ricordate di Micciché n'è vero? Colui che quando era sottosegretario di Stato al ministero dell'Economia e Finanze aprì un ufficio all'interno del Ministero per il suo spacciatore di fiducia.
Beh, oggi eccolo: ancora in giro, ancora in corsa e ancora con la faccia di bronzo di sempre.


2 commenti:

Gab ha detto...

Povero Miccichè, alla fine lui è solo un disperato che "tira" a campare.

Anonimo ha detto...

Economia e Finanze!
Apprezziamone almeno l'onestà intellettuale!
Lo Stato e la Mafia sono da sempre in partnership in questo settore di mercato, quindi lui ha solo cercato di razionalizzarne il protocollo di comunicazione.

Dedizione al mandato. E che vuoi di più?

Fede