venerdì 19 giugno 2009

Parola d'ordine: Fidelio.


Ebbene sì: il nostro Premier insieme ad altri arzilli ricconi partecipa, e a volte organizza, festini con ragazzette di quelle che dicono "vengo sì, ma quanto mi paghi?". Avreste mai potuto pensarlo? Lui che nella sua "Una storia italiana volume I e volume II" non ne fa per nulla nessun accenno? Potrebbe però trattarsi di un complotto ordito alla sue spalle da quelli della sinistra. Che poi oggi per "sinistra" si intende PD. E allora ecco che tutto si spiega, certo. E' stato Franceschini a ordire, a tramare, a complottare. Deve essere andata certamente così, ché Franceschini si vede che ha la mente dello stratega.
Mentre il NostroPremier se ne stava a casa a piangere per il suo divorzio, la sinistra (sempre il Pd, sia ben chiaro) organizzava il colpo di stato. E come? Prima con il caso "Letizia" e poi con le feste a Palazzo Grazioli. Invece il Premier non c'era nemmeno, ed è per questo che ha voluto a tutti i costi la legge sul divieto delle intercettazioni. Per evitare di rendere pubbliche le sue telefonate agli amici più cari in cui chiedeva loro di parlare con Veronica, di dirle che adesso era un uomo cambiato, che non avrebbe più passato le notti a pensare a come risolvere il precariato e il problema della casa per gli Italiani, che sarebbe stato più presente.
Non è possibile che si sposti sempre la focale sui problemi. Di tutto il "caso-festini privati" si prende solo la punta dell'iceberg e si considera come immorale una cosa talmente ovvia che è inutile persino parlarne. Davvero immaginavamo che il Nostro fosse un uomo solo dedito alla famiglia e rifuggisse dalla baldoria tipica di certi ambientini? Il punto del dibattito dovrebbe essere: "ecco spiegato il motivo della sua legge anti-intercettazioni", perché chissà quante altre magagnette ci stanno ancora dietro. Ancora una volta una legge per salvare il suo fondoschiena e nessuna legge per salvare il nostro! Invece noi ci si trova a parlare su quanto abbia pagato una squillo per farla andare a una festa.

Nessun commento: